Seleziona una pagina

L’IDEA

“Oltre l’albero che cade,
c’è una foresta che cresce.”

Nel corso degli ultimi anni è cresciuta in noi la consapevolezza che la condizione di rassegnazione, sconforto e inesorabile senso d’impotenza data dalla percezione della realtà attuale (a livello sociale, economico, ecologico) non trovi riscontro nel reale stato delle cose, ma sia essenzialmente legata all’informazione che su di essa riceviamo.

 

continua a leggere

La conseguenza di una precisa volontà che, della realtà, ha tutto l’interesse a non mostrare l’altra metà. Quella fatta di eventi positivi concreti, spesso di proporzioni incredibili.

Di possibilità di cambiamento. Di miglioramenti. Di risoluzione di problemi e dell’apertura di prospettive oltre la soglia di ciò che si crede possibile.

C’è un’enorme necessità di raccontarla, questa metà nascosta, senza la quale la nostra visione del mondo – e soprattutto del futuro – rimane incompleta e rischia di essere paralizzante.

È proprio sulla spinta di questa pressante urgenza che nasce “DOMANI È BELLO”.

L'idea

“Oltre l’albero che cade,
c’è una foresta che cresce.”

Nel corso degli ultimi anni è cresciuta in noi la consapevolezza che la condizione di rassegnazione, sconforto e inesorabile senso d’impotenza data dalla percezione della realtà attuale (a livello sociale, economico, ecologico) non trovi riscontro nel reale stato delle cose, ma sia essenzialmente legata all’informazione che su di essa riceviamo.

La conseguenza di una precisa volontà che, della realtà, ha tutto l’interesse a non mostrare l’altra metà. Quella fatta di eventi positivi concreti, spesso di proporzioni incredibili.

Di possibilità di cambiamento. Di miglioramenti. Di risoluzione di problemi e dell’apertura di prospettive oltre la soglia di ciò che si crede possibile.

C’è un’enorme necessità di raccontarla, questa metà nascosta, senza la quale la nostra visione del mondo – e soprattutto del futuro – rimane incompleta e rischia di essere paralizzante.

È proprio sulla spinta di questa pressante urgenza che nasce “DOMANI È BELLO”.

Il progetto

Avvalendosi dei linguaggi universali del teatro e della musica – supportati, rispettivamente, da rigoroso lavoro di ricerca delle fonti e profonda cultura etica e sociale – lo spettacolo si propone di ampliare la visione sulla realtà odierna che alimenta il nostro quotidiano e, soprattutto, le nostre prospettive sul futuro.

 

Lo fa, non, ricorrendo ad un generico (per quanto, sempre apprezzabile) slancio di ottimismo attuato nonostante il fragore dell’albero che cade, bensì, attraverso il concreto e documentato realismo imposto da una foresta che sta costantemente crescendo.

 

 

La regia dello spettacolo è di Jacopo Fo.

 

 

 

IL PROGETTO

Avvalendosi dei linguaggi universali del teatro e della musica – supportati, rispettivamente, da rigoroso lavoro di ricerca delle fonti e profonda cultura etica e sociale – lo spettacolo si propone di ampliare la visione sulla realtà odierna che alimenta il nostro quotidiano e, soprattutto, le nostre prospettive sul futuro. Lo fa, non, ricorrendo ad un generico (per quanto, sempre apprezzabile) slancio di ottimismo attuato nonostante il fragore dell’albero che cade, bensì, attraverso il concreto e documentato realismo imposto da una foresta che sta costantemente crescendo.

La regia dello spettacolo è di Jacopo Fo.

CALENDARIO DELLO SPETTACOLO

12

Settembre

MALEGNO
Festival Educazione

 

Event Info: coming soon

19

Settembre

MONTEBELLUNA
Festival Combinazioni
 

Event Info: coming soon